Home About me Indice delle ricette Ricette per i più piccoli Contatti Link
logo_spr

venerdì 24 luglio 2009

Everything stops for tea!


Sembra che il rito del tè pomeridiano sia stato inaugurato nel XIX secolo dalla duchessa Anna di Bedford, per poter così ovviare al languorino che sentiva tra pranzo e cena.
Da allora, come dicono gli inglesi, everything stops for tea...


YUMCHAA


La parola "Yumchaa" nasce dall'esigenza di due ragazzi di creare tè (chaa) che fosse allo stesso tempo buono (cioè, yum). Entrambi sostenevano che a Londra mancassero dei posti dove poter comperare del tè in foglie di buona qualità. Hanno iniziato la loro attività vendendo questa bevanda al mercato di Portobello Road e successivamente a quello di Camden Lock. Gli affari andavano bene e nel frattempo constatavano che i clienti mostravano interesse nei confronti della loro attività. Ma c'era l'esigenza di creare un posto dove poter bere il loro prodotto comodamente seduti ... Ed è così che sono nate le loro due tea room: la prima a Camden e la seconda a Soho.
Io ho avuto il piacere di visitare quella di Soho. Un luogo dai colori tenui e delicati dove aleggia una piacevole atmosfera.
Non aspettatevi un menù... Il tè si trova all'interno di ciotoline sistemate sul bancone ed è annusando queste miscele che potete scegliere quella che sarà il vostro assaggio. I nomi sono poetici e ricordano quelli di bevande delle favole, come ad esempio: "Walk in the Woods", "Egyptian Nights" oppure "Japanese Cherry Garden"...





Yumchaa
45, Berwick Street,
London
Tube: Tottenham Court Rd
www.yumchaa.co.uk



CAMELLIA


Questa sala da tè si trova al terzo piano di Kingly Court (un graziosissimo centro commerciale con negozietti da non perdere...) in Kingly Sreet. Si tratta di una vera e propria tea room londinese che presenta un'ottima scelta di tè (noi abbiamo bevuto un Earl Grey Orange ed un tè nero aromatizzato al mango: consigliatissimi entrambi!), torte, pasticcini e tipici scones serviti con marmellata di fragole e "clotted cream". Se siete interessati ad avere informazioni più dettagliate le potete trovare qui.


Adesso scusatemi, ma devo proprio andare o mi si fredderà il tè... ;)


Camellia
3rd floor - Kingly Court Shopping Centre,
Kingly Street,
London
Tube: Piccadilly Circus

ISTRUZIONI PER L'USO: non portate con voi i fidanzati/compagni/mariti nelle sale da tè! Perché? Beh, perché è probabile che ad un certo punto mentre voi siete totalmente e beatamente immerse nella cerimonia dell' afternoon tea, lui muovendo il naso e annusando l'aria, vi dica: "senti che profumino di patatine fritte che viene dal fast food dietro l'angolo"... ;)

28 commenti:

Elisakitty's Kitchen ha detto...

Queste dritte me le sto segnando tutte!!!
Ti dicevo che è un vero peccato che per 15 giorni circa non ci incontriamo a Londra! Le tue email le ho ricevute entrambe! Grazie
Bacioni

kristel ha detto...

Ma che bello!!! Anche io voglio passare un mese a Londra...uffa!! Le foto sono davvero bellissime e la sala da thè merita veramente. Per ora mi segno gli indirizzi e spero di poterci andare presto. Inoltre dopo che mi hai fatto vedere gli scones....ora mi toccherà farli, mi é venuta una voglia! Bacioni!!

Chiara ha detto...

che meraviglia!
grazie per tutte splendide segnalazioni!!
nn sono mai stata a Londra ma sono sicura che qnd ci andrò, grazie a te saprò cosa nn devo perdermi assolutamente:)
baci!

Tania ha detto...

Davvero interessante! Le foto e le tue informazioni sono preziose, spero presto di poter assaggiare personalmente intanto, gusta un buon tea anche per me!

cavoliamerenda ha detto...

Buongiorno Carolina!
Che bell'inizio di giornata!
Per quello che ne so della storia della cucina inglese questo languorino doveva essere davvero prepotente, infatti fino alla fine del '600 circa si facevano esclusivamente la colazione e la cena verso le cinque, furono poi le famiglie eleganti a introdurre un buffet freddo a pranzo, il luncheon, e la cena si spostò alle sei e mezzo. Viene il sospetto che il rito del tè lo abbiano consolidato le famiglie borghesi, quelle che cenavano alle sei e mezzo per emulare le upper classes alla moda ma alle cinque avevano (comprensibilmente) fame data la lunga attesa dalla colazione... =D

Ho straparlato, anche questo post è stato graditissimo, troppo bello poter scegliere il proprio tè a naso!

Quanto al fidanzato/compagno/marito: oppure più rapito di voi dalla solennità del momento riuscirà ad individuare tra le tante proposte l'unica miscela pestilenziale del locale, quella che ogni morso di muffin, ogni sorso del vostro tè, ogni respiro profondo saprà solo di quello... =)

Carolina ha detto...

@ Elisa: davvero che peccato! Solo per 15 giorni... Sarebbe stato buffo e bellissimo allo stesso tempo...
Sto pensando di farti una lista delle cose che non devi assolutamente perdere.
Un bacio!

@ Kristel: grazie mille per i complimenti! Sei molto carina.
Per quanto riguarda gli scones, a chi lo dici!!!
Buona giornata!

@ Chiara: grazie cara!
Ti auguro un buon fine settimana!

@ Tania: non mancherò, promesso! Poi, adesso me l'hai pure chiesto...
A presto!

@ cavoliamerenda: a me piacciono da morire i tuoi lunghissimi e sempre interessanti/divertenti commenti! Non smettere, ti prego...
Probabilmente è andata come dici tu... Allora, dobbiamo ringraziare i borghesi!

Le patatine fritte sono state il mio incubo in questa vacanza... Avrebbe "merendato" sempre e solo con quelle! Finché, finalmente, un giorno non le ha digerite...
Un bacio!

cavoliamerenda ha detto...

e viene da chiedersi: cosa ci avevi messo dentro? =)

La faccenda delle famiglie borghesi mi è tornato in mente (da un angolo polveroso evidentemente) di averla pensata leggendo Jane Austen, se ne parla in Pride and Prejudice, al capitolo otto(farei meglio a dire studiando: le mie letture ossessive di Jane Austen confrontando traduzione e lingua originale, sottolineando e spidocchiando vecchi dizionari dell'epoca non tutti le chiamerebbero svago...)

Wennycara ha detto...

Splendidi entrambi.
Nel mio immaginario la parola "scones" è esattamente raffigurata dalle focaccine che hai fotografato tu! Immagino che bontà :)
Adesso capisco veramente come mai il tea delle 17 sia così sentito...
baci, buon fine settimana!

wenny

Samantha ha detto...

Ecco due posticini meravigliosi che non conoscevo! Grazie per queste preziosissime dritte!
I mariti/fidanzati sono tutti uguali, immaginati io in estasi con la mia bella tazza di tè e mio marito che fa una smorfia e dice "ma sà solo di acqua"..

Carolina ha detto...

@ cavoliamerenda: io niente... Andrebbe chiesto a Mc Donalds... Ma meglio non sapere certe cose, fidati!
Ah Chiara, che ricordi che mi hai riportato alla mente con Jane Austen... Appena ci vediamo dobbiamo interagire su questa storia!
Baci!

@ Wennycara: a parer mio in alcuni posti rischia di diventare una cena, anche piuttosto abbondante... Però, trovo che sia un momento molto bello e pieno di fascino...
Buon fine settimana!

@ Samantha: ok, questo mi consola... Ma credo che sia un virus piuttosto diffuso che però colpisce solo gli uomini! ;)
A presto cara!

Alessandra ha detto...

Bellissime le sedie fuori.e quegli scones...ma perchè vengono solo a loro così perfetti e del colore giusto?

Arietta ha detto...

Ciao cara, oggi sono un po' di malumore e il tuo post sull'afternoon tea e in particolare l'ultimo scorcio di vita quotidiana mi ha fatto sorridere :-) é proprio vero che si viaggia su pianeti diversi! Pensa che l'altro giorno mostro trionfante al mio ragazzo un set di ciotoline e lui indifferente mi risponde: "belle". Al mio sguardo fulminante si è difeso: "Oh amore, devi capire che io sono un uomo!"....insomma....alla fine ha ragione anche lui....ma.... :-D
Ps. avrei voluto esserci io, a quel tavolino...sono scones, quelli, vero?
Un abbraccio!

Carolina ha detto...

@ Alessandra: non saprei, perché non ho mai provato a farli... Ma è sicuramente una delle cose in cui mi cimenterò di ritorno non appena le temperature renderanno possibile far merenda con il tè anche in Italia...
A presto!

@ Arietta: sono contenta di averti fatta sorridere e di aver scacciato anche solo per un attimo il tuo malumore...

Già, si tratta proprio di pianeti diversi!!! Ed è vero, non parliamo poi delle (a noi tanto care) "suppellettili" per la cucina. Il mio ragazzo è ancora convinto che il tanto agognato robot da cucina Artisan della Kitchen Aid (tutt'ora un sogno...) abbia come unico scopo quello di fare il frullato di banane... Ci siamo capite, vero?!

Sì, sono proprio scones... Da rifare a casa prima o poi, perché ne vale davvero la pena...
Un abbraccio scaccia malumore!

Fiordilatte ha detto...

ahahahah povero Matteo, altro che tè, lui sognava le patatine!! Io sono fortunata, il mio moroso stranamente apprezza il tè pomeridiano con qualche biscotto. Ha stupito anche me la cosa :P

PS ma è l'ultimo post questo? sigh sigh sigh

Carolina ha detto...

@ Fiordilatte: ma che fortuna!!! Vedi, non avrai questo problema...
In realtà ci sarebbe ancora una mezza cosa/idea da pubblicare, ma non sono ancora riuscita a preparare niente. Vedremo cosa riuscirò a fare...
Intanto, un bacio!

Daphne ha detto...

Eccoli gli Scones!!!! che belli oh! :D
E che ridere..hai troppo ragione..ahahah...patatine fritte col tè..il massimo! ahahah :D

:: Anemone :: ha detto...

Caro cara!! Ah ah ah..le patatina, che ridere!!!

Potresti scrivere una guida, lo sai?
Sei così precisa e dettagliata..che, secondo me, potresti farci un pensierino!!


Baci baci ba dalla tua bolognese preferita!!
EHM..io non sono originaria di qui comunque...la mia amata terra natia ne risentirebbe troppo!! ^___^

Carolina ha detto...

@ Daphne: la storia delle patatine fritte diverte tutti molto... ;)
Buon fine settimana!

@ Anemone: adesso mi hai incuriosita... Non puoi mettere la pulce nell'orecchio ad una come me! Di dove sei originaria cara?!?!
L'idea della guida mi piace molto... ;)
Un bacio!

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Io e mio marito siamo appassionati e real afternoon tea è uno dei piaceri della vita!

mika ha detto...

Anche io mi segno tutte le dritte...non si può andare a londra e non fermarsi in una sala da tè...dove abito io non ce sono e invece mi piacerebbe proprio averne una sotto casa!

NIGHTFAIRY ha detto...

Che meraviglia..io prendo nota, mi piacerebbe un sacco Londra!

dada ha detto...

Foto favolose, ci sentiamo quasi li'
Un abbraccio

vaniglia ha detto...

che posti stupendi... ma quelli sono scones o sbaglio?? ;)

vaniglia ha detto...

sì, sono loro!!!!!

Luca and Sabrina ha detto...

Non conoscevamo queste sale da tè, la sensazione che provo a pelle è un invito ad entrare e a goderne del piacere di una tazza. E' bellissimo passeggiare insieme a te per le strade di Londra, soffermandoci a respirarne l'atmosfera e i locali!
Bacissimi da Sabrina&Luca

Gunther ha detto...

anche io me le salco nel mio porssimo viaggio a londra non devono mncare

tartina ha detto...

Da Cammellia ci sono stata anche io, me lo ricordo!
E' magico il rito del tè, davvero, e in Inghilterra acquista tutto un altro sapore...

Bacioni, tienici aggiornati*

Grazia ha detto...

Sono appena tornata da Londra e,grazie a questo tuo post ho potuto bere il tè da Camellia ed assaggiare i suoi buonissimi scones!! E' stato un consiglio preziosissimo!!!

Cerca nel blog

Love is such a beautiful chaos ♡

Be social

Foodshopping Maps
Quelli che la pappa no!
Simply Girly
Funny and lovely Discoveries

Il blog per Ipad

iPad_home

Followers

Collaborazioni


logo-listanascita



logo-casabento



Hey Kiddo!

Archivio